Doppio Dry

Pannello ideale per cartongesso

Voci di capitolato

Fornitura di Nidyon Pannello Doppio DRY per la realizzazione di setti portanti in c.c.a. o debolmente armato da completare in opera con spessore ≥ cm 12 di calcestruzzo (classe di resistenza come da progetto strutturale) costituiti da:

  • due lastre di EPS-RF (polistirene espanso autoestinguente) dens. 25 Kg/mc sagomate con profilo “greca” a passo 20 mm, sp. variabile;
  • due reti elettrosaldate zincate esterne φ 2,4 mm e passo 50×50 mm comprendenti l’aletta di sormonto laterale;
  • due reti elettrosaldate interne φ 6 mm, aventi funzione strutturale, passo medio 130×300 mm;
  • lamierini zincati atti al fissaggio di pannelli in cartongesso o profilati metallici per finitura a secco;
  • n° 8 connettori distanziatori per ogni passo orizzontale di 150mm dello stesso filo zincato da 3 mm.

Il Pannello Nidyon DOPPIO DRY è un cassero “a rimanere” pre-armato per la realizzazione di pareti coibentate in c.a. nell’ambito della tecnologia costruttiva industrializzata Nidyon. Esso consente di realizzare, senza limitazioni di altezza, edifici caratterizzati da una struttura solida e monolitica particolarmente idonea per aree ad elevato rischio sismico. L’utilizzo del pannello doppio si pone l’obiettivo di realizzare edifici di alta qualità architettonica riducendo i tempi di costruzione. Le elevate prestazioni termoacustiche e l’assenza di ponti termici permettono il raggiungimento della classe energetica A.
E’ costituito da lastre di EPS-RF (Polistirene Espanso Sinterizzato autoestinguente) aventi la duplice funzione di cassero al momento del getto (effettuato in opera) e di doppio cappotto isolante. All’interno sono già predisposte due reti di acciaio strutturale, ed esternamente due reti elettrosaldate con funzione di porta intonaco. Tra la rete porta intonaco e la lastra di EPS interna sono interposti lamierini zincati atti al fissaggio di pannelli in cartongesso o profilati metallici per finitura a secco. In cantiere i pannelli devono essere completati mediante il getto di conglomerato cementizio di tipo ordinario. La fase di getto di calcestruzzo in cantiere consente, attraverso una unica operazione, la realizzazione delle strutture portanti, dei tamponamenti e della coibentazione termica dell’edificio. Infine, viene spruzzato l’intonaco esterno, a completamento della parete portante coibentata.
Gli spessori della parete in calcestruzzo e dell’isolamento sono personalizzabili a seconda delle esigenze.